I neo assunti possono ottenere un prestito personale?

Dopo essere riusciti nella non semplice impresa di trovare lavoro, molti giovani pensano a come realizzare i loro progetti: per raggiungere il loro obiettivo però può occorrere un finanziamento e una delle domande più frequenti è proprio questa: i neo assunti possono ottenere un prestito personale? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza su questo argomento che può interessare tantissime persone.

Quali possibilità hanno i neo assunti di ottenere un prestito personale?

Tutti gli istituti di credito prima di erogare un prestito personale fanno dei controlli per accertarsi della stabilità finanziaria del richiedente: viene data particolare attenzione ad alcuni fattori come l’età, il tipo di contratto di lavoro, la sostenibilità del rapporto tra rata e reddito e, in alcuni casi, anche la stabilità del datore di lavoro. Ma andiamo con ordine: la cosa che interessa di più alle banche o alle finanziarie è sicuramente la capacità del richiedente di restituire le somme concesse: in altre parole il neo assunto deve avere delle entrate mensili adeguate a sopportare senza troppe difficoltà l’impegno mensile.

È chiaro che chi è stato assunto con un contratto di lavoro a tempo indeterminato ha più possibilità di ottenere il prestito, soprattutto se ha già superato il periodo di prova; chi invece ha ottenuto un contratto di lavoro a tempo determinato potrà richiedere solo prestiti con piano di rimborso che termina prima della fine del contratto di lavoro stesso. Anche la stabilità del datore di lavoro riveste una grande importanza: i dipendenti pubblici risulteranno avvantaggiati, così come quelli che lavorano per imprese importanti con una situazione finanziaria stabile e con un alto numero di dipendenti.

Requisiti e garanzie necessari

Per i neo assunti l’aver trovato lavoro rappresenta il primo passo verso l’indipendenza, ma le banche preferiscono quelli che vivono ancora con i genitori. Insomma, per i neo assunti ottenere un prestito personale esclusivamente con le proprie forze non è un’impresa semplicissima; si può avere qualche chance in più se oltre a quella legata al nuovo lavoro ci sono altre entrate regolari (un affitto, una rendita finanziaria o cose simili), altrimenti sarà necessario trovare qualcuno che sia disposto a fare da garante (e deve essere una persona che possa essere considerato finanziariamente solido e affidabile da parte dell’istituto erogante).

In assenza di queste garanzie aggiuntive sarà difficile ottenere un finanziamento; nel caso in cui la banca o la finanziaria decida di concedere il prestito personale al neo assunto anche se non ci sono tali garanzie, le cifre erogate saranno contenute: i neo assunti non vengono visti come soggetti già solidi e affidabili e per ridurre il rischio gli istituti di credito fissano dei tetti di importo massimo abbastanza bassi.