Piccoli prestiti Poste Italiane

Non sempre chi richiede un prestito ha bisogno di somme particolarmente elevate: in alcuni casi si domanda un finanziamento solo per far fronte ad una spesa improvvisa che, per quanto contenuta, rischia di non far quadrare i conti, oppure per realizzare dei piccoli progetti; proprio per venire incontro alle esigenze di queste persone gli istituti di credito hanno studiato delle soluzioni ad hoc: in questo caso ci occupiamo dei piccoli prestiti Poste Italiane.

Le soluzioni per ottenere importi non elevati

Di solito con il termine piccoli prestiti si indicano i finanziamenti di importo non superiore ai 5.000 euro. Poste Italiane è in grado di erogare prestiti di questo tipo in varie forme: il classico prestito BancoPosta, il prestito BancoPosta Flessibile e il prestito BancoPosta Online infatti consentono di richiedere importi a partire da un minimo di 3.000 euro. Il primo può essere richiesto anche da chi non ha un conto BancoPosta, il secondo si contraddistingue per le opzioni di flessibilità che consentono di modificare o saltare la rata e il terzo è l’unico che può essere richiesto e gestito completamente online (ed è riservato ai correntisti BancoPosta che hanno il servizio di Internet Banking attivo).

I piccoli prestiti Poste Italiane per titolari di carta PostePay Evolution

Si tratta quindi di soluzioni “tradizionali” con cui si possono erogare cifre fino a 30.000 euro, ma che si possono adattare bene anche alle richieste di chi ha bisogno di somme non particolarmente elevate, ma la vera punta di diamante dei piccoli prestiti Poste Italiane è forse rappresentata dal Mini Prestito BancoPosta. Questo finanziamento è disponibile esclusivamente per i titolari di PostePay Evolution, lo strumento che riesce ad abbinare le caratteristiche di una carta prepagata ad alcune funzioni tipiche del conto corrente (la carta è dotata di un IBAN, quindi permette di inviare o ricevere bonifici, di accreditare lo stipendio o di domiciliare le utenze).

Con il Mini Prestito BancoPosta si possono richiedere 1.000, 2.000 o 3.000 euro, mentre il piano di rimborso ha una durata fissa di 22 mesi. Questi piccoli prestiti Poste Italiane possono essere erogati a favore dei titolari di PostePay Evolution che hanno un’età tra i 18 e i 75 anni, che risiedono in Italia e percepiscono un reddito da lavoro o da pensione; alla richiesta di finanziamento, che può essere inoltrata solo recandosi in un ufficio postale, bisogna allegare un documento di identità, il codice fiscale e il documento di reddito. I soldi concessi vengono erogati con accredito sulla carta, sulla quale verranno in seguito addebitate le rate di rimborso.