Prestiti Cambializzati

Una delle tipologie di prestiti che, soprattutto nell’ultimo periodo, si è diffusa notevolmente in Italia, è quella dei prestiti cambializzati. Il mondo dei finanziamenti è in continua evoluzione, e la crisi economica favorisce lo sviluppo di prodotti finanziari sempre nuovi, volti a soddisfare le diverse esigenze dei clienti. I prestiti cambializzati sono molto interessanti innanzitutto per la velocità con la quale questi vengono concessi e successivamente erogati. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere su questa forma di finanziamento.

Non tutte le banche sono disposte a concedere i prestiti cambializzati. In questo articolo scopriremo quali sono le migliori compagnie alle quali rivolgersi per richiedere questa tipologia di finanziamento. Inoltre vedremo a chi è rivolto questo prodotto, e perché preferirlo alle altre forme di prestito disponibili sul mercato. Infine vedremo come richiedere un prestito cambializzato, quali sono i requisiti richiesti dalle finanziare per aver accesso all’importo di cui abbiamo bisogno, quali sono le modalità di accredito e di rimborso e quale il tasso d’interesse applicato.

Cosa sono i Prestiti Cambializzati?

I prestiti cambializzati sono dei finanziamenti che ci permettono di ricevere i soldi di cui abbiamo bisogno in tempi particolarmente brevi. La particolarità di questo prodotto è data dalla modalità di rimborso, che avviene, come facilmente intuibile dal nome stesso, tramite l’emissione da parte della banca di cambiali. Entro la data di scadenza specificata sulla cambiale stessa dovremo effettuare il pagamento mensile. Il fatto di rimborsare l’importo tramite cambiali è un vantaggio per entrambe le parti.

In questo modo la banca che concede il finanziamento è tutelata nel caso in cui il cliente non effettui il pagamento della rata di rimborso. La finanziaria può infatti procedere con atto esecutivo di fronte ad un giudice. Per il cliente si tratta invece di un’ottima opportunità, dato che i prestiti cambializzati non prevedono l’obbligo di ricevere un reddito fisso. È possibile infatti presentare alla banca garanzie alternative, sulle quali questa si potrà rifare in caso di mancata restituzione dell’importo erogato.

Prestiti veloci con cambiali: a chi sono rivolti

Richiedere un prestito non è sempre semplice. Le banche sono infatti sempre meno disposte a rischiare i propri soldi, perciò stabiliscono dei requisiti che deve rispettare il cliente che abbia bisogno di una determinata somma di denaro. la compagnia sarà dunque tutelata in caso di mancato rimborso della somma erogata al cliente. Per questo motivo spesso ci si può trovare in difficoltà a richiedere un prestito, soprattutto per chi non abbia un lavoro fisso, e che dunque non possa presentare alla finanziaria un reddito mensile dimostrabile.

Soprattutto a questa categoria di clienti sono rivolti i prestiti cambializzati. Ovviamente ciò che sarà richiesto dalla banca alla quale ci rivolgiamo saranno garanzie alternative, come ad esempio il possesso di un immobile o in alternativa la firma di un garante, che in caso di mancato pagamento delle rate di rimborso si farà carico della spesa complessiva. Anche a chi in passato abbia avuto problemi nel rimborso di un prestito e che sia stato segnalato come cattivo pagatore può essere negato un finanziamento, e dunque anche a loro sono rivolti i prestiti cambializzati, sempre a patto che si possano presentare valide garanzie.

Come ottenere un finanziamento per protestati

I prestiti cambializzati sono dunque dei finanziamenti alternativi ai prestiti “classici”, che possono essere molto utili per chi non rispetti i requisiti richiesti ad esempio per i prestiti personali, come ad esempio nel caso di chi è senza la busta paga o altro reddito da lavoro dipendente. La prima caratteristica molto importante dei prestiti con cambiali è sicuramente la velocità. Molto spesso possiamo avere bisogno di una somma di denaro in tempi brevi, se per esempio dobbiamo far fronte ad una spesa improvvisa e urgente. Ciò non sempre è possibile, a causa dei tempi burocratici relativi alla concessione di un finanziamento, che possono costituire un problema non irrilevante.

Nel momento in cui procediamo con la richiesta di un prestito cambializzato, dovremo aspettare solitamente tra le 24 e le 48 ore. Sapremo dunque subito se i soldi di cui abbiamo bisogno ci saranno erogati o meno. Per quanto riguarda il trattamento economico che riceveremo, va sottolineato come si tratti di un finanziamento a tasso fisso. Gli interessi rimarranno costanti lungo l’intera durata del prestito, e la stessa cosa varrà per la rata di rimborso. Nel momento in cui richiediamo un prestito cambializzato dovremo essere sicuri di riuscire ad affrontare la spesa ogni mese.

Pro e Contro dei Prestiti Cambializzati on line

Se siete interessati a richiedere un prestito e avete iniziato ad informarvi online, vi sarete accorti delle numerose opzioni tra le quali è possibile scegliere. Dunque è bene valutare al meglio tutte le opportunità che ci vengono offerte dalle diverse compagnie. Vediamo dunque perché può risultare vantaggioso scegliere un prestito cambializzato e perché invece è meglio guardare altrove.

PRO Come abbiamo visto, i prestiti cambializzati sono dei finanziamenti che non richiedono particolari garanzie relative al reddito del cliente. Perciò la prima caratteristica vantaggiosa è appunto quella di essere un’ottima soluzione per chi fosse senza busta paga. Lo stesso discorso vale per protestati e cattivi pagatori. Infine, molto importante è la possibilità di accordarsi con la banca alla quale ci si rivolge per ottenere un rinnovo di una cambiale in caso di difficoltà nel pagamento, o l’emissione di nuove cambiali.

CONTRO Il fatto di restituire l’importo anticipatoci tramite cambiali costituisce dunque un vantaggio ma anche uno svantaggio per il cliente. In caso di mancato pagamento di una cambiale si corre infatti il rischio di essere immediatamente protestati, il che può costituire un grosso problema. Inoltre il tasso d’interesse è solitamente abbastanza elevato rispetto alle alternative disponibili sul mercato. Infine, l’individuazione di un garante disposto a pagare eventuali rate non pagate non è sempre semplice, perciò spesso è complicato aver accesso ad un prestito cambializzato.

Soluzioni per cattivi pagatori

Quella dei prestiti cambializzati, come abbiamo detto, può risultare la soluzione migliore in diversi casi. Molte volte è infatti piuttosto complicato ottenere un finanziamento se si è senza busta paga o se si è stati segnalati come cattivi pagatori. Le banche sono infatti sempre meno disposte a rischiare i propri soldi e non concedono prestiti prima di aver analizzato nel dettaglio la situazione economica del cliente in questione. Perciò se siete interessati ad un prestito dovete, per forza di cose, rispettare determinati parametri imposti dalla banca alla quale vi rivolgete.

Un profilo ad alto rischio per la finanziaria, come può essere una persona senza reddito fisso o che abbia avuto in passato problemi nella restituzione di un prestito, avrà dunque maggiori difficoltà nel ricevere l’importo di cui ha bisogno. Questa difficoltà viene spesso sfruttata da chi vuole ingannare i clienti, magari promettendo tassi d’interesse nettamente inferiori rispetto a quelli disponibili sul mercato, ma che si rivelano soltanto delle truffe. Perciò se si è alla ricerca di un finanziamento sicuro è bene stare attenti e rivolgersi soltanto ad istituti di credito affidabili come ad esempio Agos, Findomestic e Unicredit, che per i prestiti con cambiali applicheranno un tasso d’interesse più alto, ma che garantiscono affidabilità al cliente.

Come richiedere un Prestito online

I prestiti con cambiali sono una delle molteplici soluzioni che troviamo sul mercato, volte a soddisfare le diverse esigenze di tutti i clienti. Ci basta fare una rapida ricerca sul web per accorgerci dell’enorme quantità di proposte che ci vengono fatte dalle diverse compagnie. A seconda dell’importo di cui abbiamo bisogno e dei requisiti che rispettiamo, ci troveremo a dover scegliere il prodotto che fa al caso nostro, cosa tutt’altro che semplice. Per questo motivo, la prima cosa da fare se si vuole richiedere un prestito, di qualunque tipo esso sia, è quella di richiedere un preventivo a diverse banche, per confrontarli e individuare il trattamento migliore.

Tutte le maggiori compagnie ci offrono la possibilità di effettuare il preventivo online, sul proprio sito internet. Ci basterà inserire l’importo desiderato e la durata del finanziamento, per calcolare immediatamente quanto andremo a pagare ogni mese per il rimborso. Una volta scelto il prodotto che fa per noi, anche la richiesta potrà essere fatta online, inserendo tutti i dati che ci verranno richiesti. In alternativa, potremo fissare un appuntamento nella filiale più vicina, in cui un esperto saprà consigliarci nella scelta del prestito che fa per noi, oltre a guidarci nella procedura di richiesta di finanziamento. Nel caso dei prestiti cambializzati, il tutto potrà essere fatto in tempi estremamente brevi.

Prestiti Cambializzati per lavoratori autonomi

Come abbiamo detto, il requisito maggiormente richiesto dalle banche al momento della richiesta di un finanziamento da parte di un cliente, è quello di un reddito sicuro percepito ogni mese. In questo senso i dipendenti pubblici e i pensionati Inps non avranno grossi problemi a ricevere i soldi di cui hanno bisogno, in quanto tramite soluzioni quali la cessione del quinto, le rate di rimborso saranno automaticamente scalati dallo stipendio o dalla pensione. Nel caso ad esempio di liberi professionisti o commercianti, questo reddito non potrà essere garantito ogni mese. A questa categoria di lavoratori, che hanno problemi nell’ottenere i prestiti cosiddetti “classici”, sono rivolti i prestiti cambializzati.

Quello che dovremo fare per ottenere questa forma di finanziamento, sarà presentare delle garanzie alternative, che assicureranno la finanziaria alla quale ci stiamo rivolgendo. La prima soluzione possibile è quella di presentare un garante. Un parente o un amico, che a differenza nostra dovrà avere un reddito sicuro, potrà garantire sul fatto che noi saremo in grado di restituire la somma che ci è stata prestata. In caso di mancato pagamento da parte nostra delle cambiali emesse dalla banca, sarà il garante da noi presentato a pagare per noi.

Un’alternativa alla firma di un garante è costituita dall’ipoteca di un immobile. Se possediamo una casa di proprietà e abbiamo bisogno di un finanziamento, sarà la nostra abitazione a costituire un’ottima garanzia per la banca. Ovviamente prima di ipotecare la propria casa è bene riflettere attentamente sulla fattibilità del finanziamento, e sulla nostra capacità di rimborso. In caso di mancato pagamento delle cambiali, l’immobile ipotecato sarà messo all’asta, e la finanziaria prenderà i soldi che non abbiamo restituito dal ricavato della vendita.